IL TENT-POLE ENTERTAINEMENT NELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE: L’ESEMPIO DI BARILLA

Le aziende che hanno scelto di comunicare attraverso i canali social sono consapevoli che gli utenti che le seguono si aspettano da loro “non più il solito messaggio pubblicitario, ma qualcosa di interessante e utile”[1] o, almeno, di divertente e coinvolgente.

Questo, poiché la comunicazione di tipo invasivo “uno a molti”, ha lasciato spazio al cosiddetto marketing relazionale, che mira ad “una comunicazione in grado di generare tra il soggetto e il brand quello stesso tipo di coinvolgimento affettivo e psicologico (engagement) che si produce quando due esseri umani si relazionano in maniera autentica”[2].

Difatti, negli ultimi anni l’identità off line delle aziende in quanto soggetti produttrici di beni o servizi si è via via integrata con un’identità on line che le classifica quali produttrici di contenuti, atti a rafforzare la consapevolezza del brand, ma anche a prendere posizioni chiare e trasparenti, al fine di creare legami più duraturi, autentici e “alla pari” con la propria clientela. E ciò può accadere grazie ad un dialogo il più possibile informale, onesto e diretto.

L’acquisto non è più soltanto influenzato dal nome dell’azienda produttrice, ma dal valore sociale che questa rappresenta per la società. Si è cioè passati dall’era del consumismo all’era del consumo etico e delle scelte consapevoli nell’acquisto di un prodotto e nella soddisfazione di un bisogno. Oggi ciò che viene premiato (non solo in termini di acquisti, ma anche in termini di fidelizzazione), oltre alla qualità, sono le scelte etico-sociali e la trasparenza che caratterizzano un brand piuttosto che un altro. “La vera moneta di scambio sul mercato delle idee è diventata l’apprezzamento di ciò che le aziende fanno”[3] (o non fanno) per creare un determinato valore sociale.

Sulla base di questo, una bella occasione che queste hanno per (far) parlare di sé, per ribadire i propri valori e creare coinvolgimento ed empatia con la propria base di consumatori, la offrono gli appuntamenti condivisi da intere comunità più o meno grandi, come festività religiose, feste nazionali, eventi culturali.

Prendendo ad esempio la pratica dei tent-poles dal mondo dell’entertainement, le aziende mirano ad ottenere in maniera creativa e smart – soprattutto sui social network – il massimo della visibilità e del coinvolgimento in un periodo di tempo talvolta riducibile anche a poche ore.

Barilla, riconoscibile da sempre quale marchio legato a valori ben definiti che riguardano la famiglia, la semplicità e la genuinità non solo dei propri prodotti ma quale stile di vita, trasmette in Italia e all’estero un’autenticità legata alla storia e alle tradizioni (universali e, allo stesso tempo, italianissime), riscontrabile anche nella volontà di dare risalto a questi momenti di condivisione e aggregazione nella vita delle persone.

La scelta di Barilla, in questo caso, è quella di fare riferimento ad eventi nazionali ed internazionali di varia natura, declinandoli secondo quello che è il core business aziendale: la pasta.
Attraverso i giochi di immagini fatte con differenti varietà di pasta Barilla (tutte ben riconoscibili) e il tono informale e scherzoso, si pone l’accento sui valori autentici che sono alla base del marchio, e della società, accorciando quindi le distanze tra produttore e consumatore.

Soprattutto nella pagina Facebook di Barilla ho trovato moltissimi esempi di questo tipo, che qui ripropongo categorizzandoli per macroaree tematiche:

1) Festività religiose.

È probabilmente la categoria più semplice, poiché sono largamente condivise dalla maggior parte dei clienti.

2) Appuntamenti che, grosso modo, riguardano tutti i membri della comunità; indipendentemente da razza, credo religioso, livello culturale e sociale.

Si tratta di occasioni che, come quelle elencate anche in tutti i punti a seguire, uniscono persone talvolta divise da differenze nette ed inconciliabili, come un buon piatto di pasta e la convivialità spesso riescono a fare.

3) Eventi che sono riconosciuti e largamente seguiti a livello internazionale.

4) Pubblicazioni ad hoc, in risposta ad un altissimo interesse mediatico, che possono verificarsi in un arco temporale molto breve, e che probabilmente non si verificheranno mai più.

O, più semplicemente, per dimostrare gratitudine e valorizzare i propri fan.

4) Successi italiani che vengono ripresi e sottolineati per dare risalto ad un valore imprescindibile per il brand: l’italianità.

Questo rafforza il legame con la propria base di fan italiani e ribadisce all’estero il proprio essere parte di quel circuito universalmente riconosciuto quale garanzia di bellezza e qualità: il Made in Italy.

5) Anniversari internazionali: riportare attenzione su ciò che, in un modo o nell’altro, ha contribuito o contribuisce ad unire ed emozionare il mondo.

*****

Per scrivere questo post, mi sono state particolarmente utili le seguenti fonti:

[1] Mauro Lupi, “Internet per le aziende: numeri e opportunità” in Social Media Marketing, Manuale di comunicazione aziendale 2.0, Hoepli, 2011, p. 28.

[2] Guido di Fraia, “Sviluppi tecnologici e processi comunicativi: immagini di una rivoluzione in corso” in Social Media Marketing, Manuale di comunicazione aziendale 2.0, Hoepli, 2011, p.20.

[3] Paolo Iabichino, Non è bello, quel che è bello. I “piacioni” della comunicazione digitale, tra like e consenso, Web Economy Festival, Cesena, 22 marzo 2014.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported.

Ispirazioni per twitter

100 suggerimenti per scrivere su twitter

Molti sostengono di non sapere cosa scrive su twitter. Altri invece, dopo un buon inizio, finiscono per sentire di non avere più nulla da dire di interessante in 140 caratteri.
La maggior parte delle persone iniziano a postare con entusiasmo finendo poi per battere sempre sullo stesso tasto e per diventare autoreferenziali. Esaurito l’entusiasmo iniziale è facile che le speranze riposte in questo social network si scontrino prima con l’aridità e poi con la frustrazione e l’insuccesso.
Per venire incontro a questa esigenza ho collezionato 100 suggerimenti, presi da diversi post su internet e da varie fonti off-line, affinché fosse più facile riaccendere la creatività e scrivere tweet coinvolgenti per i propri follower.

Sono 100 spunti, che possono essere letti e riletti, ogni volta vi sia la voglia o necessità, di scrivere dei tweet originali, che accendano e mantengano alta la conversazione con i follower. Continue reading

colloquio password facebook

Al lavoro vogliono le mie password di Facebook

Nell’analisi di ieri pubblicata da Adecco, all’interno dell’ultima immagine dell’inphographic, si trovava un dato interessante che poteva sfuggire: il 5% dei Recruiter intervistati da Adecco ha ammesso di aver chiesto l’accesso alla pagina Facebook di un candidato. Piccole statistiche che mostrano l’inizio di un trend. Sul Corriere della Sera ne parla oggi Gabriele De Palma. Continue reading

Adecco - DigitalReputation

Il Lavoro ai tempi del #socialrecruiting e della #digitalreputation

Secondo una ricerca condotta da Adecco (che ringrazio per avermi fornito lo studio e l’infografica) in collaborazione con Ivana Pais dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, quanto più ricche ed integrate sono le relazioni sociali coltivate da chi è in cerca di lavoro tanto maggiore è la probabilità di trovare un’occupazione e raggiungere un successo professionale, anche attraverso i social media. E’ questa una delle principali evidenze dell’ultima indagine “Il lavoro ai tempi del #socialrecruiting e della #digitalreputation”. Continue reading

Profilo Personale: 9 trucchi per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca

Cerchiamo di ottimizzare l’indicizzazione del nostro profilo personale sui motori di ricerca, sempre al fine di lasciare tracce positive del nostro passaggio sulla Rete. Il tentativo è di far trovare a chi ci cerca, informazioni controllate e validate da noi, facendo scendere nel dimenticatoio quelle che ci sono meno gradite e che magari non sono sotto il nostro dominio diretto. Continue reading

Instagram: dimmi che ti piace…

…e ti dirò chi sei. Mentre ancora divampa la polemica contro Instagram (alias Facebook) relativa alla vendita delle fotografie, ho avuto modo di notare un aspetto a cui prima non avevo mai fatto caso. A fianco al tastino delle notizie, quello per intenderci che appaga il nostro ego mostrandoci quanti like hanno ricevuto le foto, vi è anche un tab dal titolo “Segui già“. Questo sezione ci mostra cosa piace ai nostri contatti, mettendo in rassegna i loro ultimi like.
L’immagine di copertina mi sembra non abbia bisogno di commenti. Siatene consapevoli!

Fuga da Facebook

Uno delle grandi novità portate dai tablet, è che ti viene concesso il lusso di acquistare qualche libro, appena un attimo prima di imbarcarti per un volo intercontinentale di oltre 11 ore. In questo modo ho potuto intrattenermi in compagnia dell’ultima pubblicazione di Marco Camisani Calzolari, dal titolo “Fuga da Facebook”, mentre l’aereo raggiungeva Shanghai. Continue reading